• Al via Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna virtuale

    (ANSA) – ROMA, 04 MAG – Si è aperta la speciale edizione
    della 57/a Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di
    Bologna, dal 4 al 7 maggio in versione online, dopo la
    cancellazione per l’emergenza coronavirus dell’appuntamento in
    programma originariamente dal 30 marzo al 2 aprile. Grazie a un
    importante investimento, le numerose attività in calendario
    della Bologna Children’s Book Fair sono state digitalizzate e,
    per la prima volta, rese accessibili gratuitamente al pubblico
    di tutto il mondo, non solo alla comunità professionale.
        “Appena costretti a cancellare la fiera, ci siamo resi conto
    che non potevamo stare lontani dalla nostra comunità e abbiamo
    deciso di rimanere fedeli al nostro ruolo adoperandoci per
    trasportare la fiera online. L’abbiamo fatto a partire dal
    nostro core business, lo scambio di diritti, con il Global
    Rights Exchange, e da lì siamo passati al nostro programma di
    eventi e mostre. Credo che attività online come quelle che
    stiamo proponendo in questi giorni potranno proseguire in
    futuro, integrandosi perfettamente con la fiera tradizionale che
    si svolge ogni anno a Bologna e che sarà sempre un momento di
    incontro imperdibile per tutta la comunità del libro per
    ragazzi. E sono ottimista: guardando avanti, penso che sentiremo
    di aver imparato a stare tutti ancora più vicini e a condividere
    ancora più idee per dar vita a nuovi progetti” ha detto Elena
    Pasoli, Exhibition Manager Bologna Children’s Book Fair.
        A inaugurare la fiera, che come da tradizione annuncerà i
    vincitori del Bologna Prize for the Best Children’s Publishers
    of the Year, una vera e propria tavola rotonda virtuale, “Children’s publishing in the ‘new normal’: how children’s
    publishers are adapting to a post-pandemic world” che ha visto
    riuniti in videoconferenza nove editori da ogni angolo del
    mondo. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte