Attivisti pro Palestina alla Roma, “non giocate in Israele”

(ANSA) – ROMA, 27 LUG – Manifesti fuori degli store della
Roma per dire no alla partita in programma sabato ad Haifa
contro il Tottenham. Attivisti pro Palestina – come riporta
l’associazione BDS Italia – hanno lanciato l’appello alla
società giallorossa perché “non ha niente di ‘amichevole’
giocare in Israele dove vige un regime d’apartheid come
accertato da Amnesty International” scrive Bds, spiegando che i
negozi in via del Corso e a Piazza Colonna sono stati tappezzati
di manifesti che ricordano quattro giovani giocatori palestinesi
uccisi da soldati israeliani solo nell’ultimo anno: Zaid Ghneim,
14 anni; Thaer Yazouri, 18 anni; Mohammad Ghneim, 19 anni; e
Saeed Odeh, 16 anni.
    “La squadra di Saeed Odeh, la Balata FC, insieme alla squadra
degli amputati di Gaza, hanno scritto una lettera alla Roma
chiedendo di annullare la partita amichevole in programma a
Haifa per sabato 30 luglio – si legge nella nota – . I giocatori
nostri compagni, che sono stati uccisi, mutilati, arrestati, a
cui è stato negato perfino il diritto di giocare da parte di
Israele, sono per sempre nei nostri cuori. È per loro, e per i
palestinesi, che non possiamo né vogliamo rimanere in silenzio”,
hanno scritto nella lettera. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte