Calcio: Ghirelli, giocare al mattino una cura che abbassa costi


(ANSA) – ROMA, 13 OTT – “Ringrazio Mauro Balata che ha
inquadrato il tema e non poteva che farlo con competenza e
sensibilità. Il cambiamento degli orari delle partite permette
di giocare grazie alla luce dei raggi solari e questo consente
di abbassare i costi in periodo di emergenza”. Così il
presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli in riferimento alle
dichiarazioni del Presidente della Serie B Mauro Balata sugli
orari anticipati delle partite riportate da alcuni media dove
dichiara ‘Giocare al mattino è un palliativo, servono altre
misure per contenere i costi’.
    “Le cure palliative non portano quindi alla guarigione della
malattia ma – aggiunge Ghirelli – attraverso un approccio
globale e interprofessionale, permettono la cura della persona
con malattia grave, cronica, evolutiva e/o in fase terminale al
fine di migliorare la percezione della qualità della vita. Il
calcio, come spiega Mauro, è esattamente in questa situazione e
se quindi si può aiutare in questo modo è già una acquisizione ‘rivoluzionaria’ rispetto alla ‘supponenza’ di un passato
recente”.
    “Per cui – prosegue Ghirelli – giocare nelle ore diurne e non in
notturna abbassa i costi e sottolinea l’esigenza di dover
cambiare stili di vita perché la crisi energetica non è
temporanea. Le cure palliative consentono al paziente, ai
parenti e agli amici vicini e lontani di capire che si può
guadagnare tempo e contribuiscono a far capire quanto sia
importante ‘la percezione della qualità della vita’. La crisi
energetica nel calcio deve farci realizzare le misure
strutturali di cui c’è bisogno: cambiamento di stile di vita,
energia da fonti rinnovabili, stadi green, nuove politiche per
trasporti “leggeri”, ecc. Ringrazio Mauro Balata, così si
ragiona a sistema e si fa ‘gioco di squadra’ nel calcio
italiano”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte