Carabinieri Novafeltria: intervento per persona che necessità di aiuto, rintracciato 80enne

 

Capita spesso che durante i normali servizi di controllo, specialmente in questo periodo di
pandemia unito all’arrivo della stagione fredda, i Carabinieri di Novafeltria si trovino a
dover gestire richieste ed interventi particolari, come quello che si è verificato ieri
pomeriggio. In specie ieri pomeriggio, presso la locale Stazione, si è presentato un uomo
preoccupato del fatto che non riusciva a contattare, dalla mattina, l’anziano zio, che vive da
solo in un appartamento di Novafeltria, di aver provato inoltre ad andare nella sua
abitazione, ma la porta risultava chiusa dall’interno. A quel punto dopo aver provato
inutilmente, tramite la Centrale Operativa, a contattare telefonicamente l’anziano, una
pattuglia si è recata sotto la sua abitazione, constatando che l’auto dell’uomo era
regolarmente parcheggiata. Quindi i militari si sono diretti davanti la porta di ingresso
dell’appartamento dell’anziano non notando nulla di anomalo, e dopo aver più volte suonato
il campanello, senza avere risposta, facevano accorrere sul posto una squadra dei Vigili del
Fuoco per aprire la porta a cui erano state inserite, nella toppa dall’interno, le chiavi. Dopo
essere riusciti ad aprire la porta, i Carabinieri si sono diretti nella stanza da letto
dell’ottantenne constatando che, fortunatamente, stava bene e che forse per aver assunto
qualche medicinale o solo a causa del freddo si era addormentato profondamente da qualche
ora, non sentendo né il telefono ne il campanello di casa.

L’Arma di Novafeltria, attenta alle richieste di aiuto da parte della cittadinanza, inviata a
contattare, in situazioni di necessità, i suoi presidi nonché il numero unico di emergenza
“112”.

Lascia un commento