DIGA DI VETTO, E OCCHI E RAINIERI (LEGA): “L’EMERGENZA IDRICA DIMOSTRA CHE LE ESIGENZE SONO AUMENTATE. LA GIUNTA BONACCINI FACCIA PRESTO E VALUTI ALTERNATIVE ADEGUATE”

DIGA DI VETTO, E OCCHI E RAINIERI (LEGA): “L’EMERGENZA IDRICA DIMOSTRA CHE LE ESIGENZE SONO AUMENTATE. LA GIUNTA BONACCINI FACCIA PRESTO E VALUTI ALTERNATIVE ADEGUATE”
 
BOLOGNA, 10 AGO – “Una tappa importante e fondamentale nell’iter di progettazione di un’infrastruttura necessaria per il nostro territorio come la Diga di Vetto. Ma ora alla Giunta Bonaccini chiediamo attenzione: occorre valutare accuratamente se lo scenario sulla base del quale è stato ipotizzato un invaso da 27 milioni di metri cubi sia ancora attuale. La gravità della siccità che ha caratterizzato gli ultimi mesi dovrebbe far riflettere sulle aumentate esigenze di preservazione idrica e quindi sulla necessità di una maggiore capienza dello stesso invaso”.
Così il consigliere regionale della Lega Emiliano Occhi sprona l’esecutivo regionale a riprendere in mano il vecchio progetto della diga di Vetto, che prevedeva un invaso da 100 milioni di metri cubi, alla luce dell’arrivo dei 9,5 milioni di euro dalla Conferenza Stato-Regioni per la progettazione di infrastrutture idriche rilevanti, ritenute necessarie per far fronte alla siccità, di cui 3,5 milioni individuati specificamente l’opera sull’Enza.
“Le mutate esigenze, a fronte dell’emergenza dell’ultimo periodo, portano a interrogarsi circa l’adeguatezza di un progetto analizzato quando il contesto era differente. Per questo auspichiamo che l’esecutivo regionale sia particolarmente concreto nelle sue valutazioni e che dimostri di non lasciarsi attrarre dalle barriere ideologiche verso le infrastrutture che pongono alcuni membri più estremi della sua maggioranza” ha aggiunto il consigliere del Carroccio.
“Un primo passo che ci avvicina alla realizzazione di un’opera fondamentale. Purtroppo l’ostracismo verso gli invasi in montagna di medie e grandi dimensioni della sinistra ha portato a un clamoroso ritardo nella realizzazione di opere necessarie ad affrontare i cambiamenti climatici in atto, con la conseguenza che oggi l’approvvigionamento idrico e la tenuta del sistema agroalimentare sono a rischio” ha aggiunto Fabio Rainieri, consigliere regionale della Lega e vicepresidente dell’Assemblea legislativa.
“Non possiamo più permetterci tentennamenti: occorre formulare al più presto un progetto adeguato agli usi plurimi e velocizzare l’iter amministrativo ed autorizzatorio” ha concluso Rainieri.

 

—————————————————–
Ufficio Stampa Lega Emilia-Romagna
Viale Aldo Moro 50 – Bologna
—————————————————–