Investita da un’auto pirata, Chiara muore a 19 anni. 22enne si consegna: «Ho avuto paura e sono scappato»

Dramma a Lecco dove una giovane di 19 anni, Chiara Papini, è stata investita ieri sera da un’auto pirata ed è in morte cerebrale. L’investitore sarebbe un ragazzo di 22 anni, che dopo averla travolta si sarebbe allontanato senza prestare soccorso: dopo alcune ore si è poi presentato al comando della Polizia locale. Dovrà ora rispondere di omicidio stradale«Ho avuto paura e sono scappato», avrebbe detto il ragazzo agli inquirenti.

La dinamica di quanto accaduto è allo studio degli agenti della Polizia locale di Lecco: il 22enne è stato anche sottoposto agli accertamenti alcolemici e gli inquirenti sono in attesa dei risultati. A chiamare i soccorsi dopo l’incidente sono stati gli amici, che non hanno però fatto in tempo a vedere l’auto che nel frattempo era già fuggita. Chiara è stata investita sulle strisce all’altezza di un passaggio pedonale in via Papa Giovanni XXIII: trasportata in elicottero all’ospedale di Varese, si trovava da subito in condizioni disperate.

Sui social tanti i messaggi di cordoglio da parte di persone che la conoscevano: Chiara avrebbe compiuto 20 anni il prossimo ottobre. «Sono passati tanti anni dal giorno in cui ci siamo conosciuti. Tu eri una nuotatrice come me, stessa passione, stessi sacrifici… – scrive Matteo in un post corredato da alcune foto – Di te ricorderò il sorriso e la spensieratezza, che sicuramente ti hanno accompagnata anche in quell’istante in cui, un automobilista, ha deciso di stroncare la tua giovane vita. Spero tu possa continuare a sorridere e a goderti la vita anche da lassù, come facevano insieme». Leggo.it

Lascia un commento