Pardo, su Rai2 con Ti sembra normale, sarà un game-talk


 “Indagheremo sui vizi e sulle virtù, sulle abitudini degli italiani. Ci saranno domande serie e futili. E sondaggi demoscopici fatti in maniera scientifica. E’ un game con un montepremi, una sfida elettrizzante: spero di essere all’altezza, è una cosa diversa dalla telecronaca che mi fa stare bene”. Pierluigi Pardo, alla sua prima esperienza non sportiva, sbarca su Rai2, da sabato 15 ottobre alle 14, con Ti sembra normale. In studio con lui la sondaggista Alessandra Ghisleri, direttrice di EuroMedia Research, che realizzerà in esclusiva per il programma i sondaggi al centro della sfida.
    Prodotto dalla direzione Intrattenimento Day Time in collaborazione con Stand By Me, il programma è un adattamento del format internazionale “Are you normal?” lanciato con grande successo negli Stati Uniti dai produttori dell’Oprah Winfrey Network. “Ti sembra normale spiare il cellulare del partner? Ti sembra normale rubare un asciugamano dall’hotel? Ti sembra normale avere un figlio preferito?” A questo genere di domande-sondaggio, divise in diverse categorie di argomenti, dovranno rispondere i due concorrenti di ogni puntata, che si conosceranno solo al momento di iniziare il gioco, cercando di indovinare insieme cosa è normale e cosa no per il popolo italiano. Spiega Simona Sala, direttrice del Daytime Rai: “Con Ti sembra normale abbiamo voluto sperimentare un nuovo game. La Rai è leader in questo genere. Ne vogliamo provare uno nuovo. Il personaggio che ci è sembrato più adatto è Pierluigi. Spero che faccia breccia anche su tipi di pubblico che la Rai ha un po’ perso negli anni. Pardo è già scatenato, il dietro le quinte sarebbe da mandare in onda”. Dice il conduttore, volto e voce di Dazn, che ha anche commentato il Palio di Siena su La7 e che ha recentemente ‘fatto pace’ con Mediaset, spiegando in una lettera di scuse i motivi che lo hanno spinto lo scorso anno a non rinnovare il contratto di esclusiva con Cologno, che il programma “non tratterà di sport: sono molto incuriosito ed emozionato”. Pardo aggiunge: “C’è una parte game, ma anche un racconto del reale. Alessandra sarà il Var, avrà un trono che è costato praticamente tutto il budget!”. “Il mio ingresso in Rai riguarda solo questo progetto, ho stima e rispetto per la redazione di Rai Sport. Questo è il posto giusto per me, si stanno sperimentando tante cose nuove come questo programma. Senza sperimentazione, non si cresce e non ci si rafforza. Quest’azienda è un punto di riferimento per gli italiani. Avremo anche pillole prese dalle Teche Rai. Nella prima puntata, pillole di Gino Bramieri, Vianello-Mondaini e Ugo Tognazzi”, aggiunge.
    Elementi in comune con la telecronaca? “C’è l’elemento della competizione, questo sì. E l’elemento del gioco, essendo un game. Se ne fanno tanti, e di livello, ovvio, ci sono grandissimi professionisti, ma questo è diverso e nuovo. Poi ci sono liturgie, tempistiche, tecniche, completamente diverse. Mi butto nella liturgia del game con sana inesperienza, voglio studiare e capire. Per me sarà un’esperienza nuova, anche se questo sarà un game con elementi di talk”. Alessandra Ghisleri aggiunge; “E’ stato un piacere, un’occasione di studiare la pancia del paese. E che pancia! Vero, Pardo? Attraverso le cose semplici possiamo scoprire i gusti degli italiani. Il ritmo di Pierluigi è stato serrato, ci siamo molto divertiti”.
    Nei prossimi giorni il palinsesto di Rai 2 si arricchirà anche delle partenze di altri programmi, Nei tuoi panni, condotto da Mia Ceran dal 17 ottobre dal lunedì al venerdì alle 17; ‘Top tutto quanto fa tendenza’ il magazine dedicato alla moda, al costume e all’eccellenze Made in Italy, con la conduzione di Greta Mauro; “Cook 40”, seconda stagione del programma condotto da Alessandro Greco, che tornerà il sabato mattina alle 11.15; “Alle otto in tre”, con Filippo Solibello, Claudia de Lillo e Marco Ardemagni che daranno il loro buongiorno, dal lunedì al venerdì alle 8.03. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte