• Pioli “Milan deve continuare percorso di crescita”

    (ANSA) – CROTONE, 27 SET – “E’ stata una partita difficile,
    complicata. I ragazzi stanno giocando spesso, siamo a inizio
    stagione è impensabile mantenere sempre i ritmi alti. Abbiamo
    gestito bene la gara, rischiando molto poco e creando delle
    buone situazioni. Poi è chiaro che quando c’è bisogno di gestire
    la palla forse potevamo farlo meglio. Tecnicamente non è stata
    la nostra miglior partita però era una gara molto insidiosa e
    l’abbiamo approcciata bene. E questo era importante”. Così il
    tecnico del Milan Stefano Pioli commenta – ai microfoni di Sky –
    la vittoria della sua squadra a Crotone.
        Con i rossoneri alla 14ma partita utile consecutiva, Pioli
    non vuole comunque sentire parlare di “grandi” come ambizioni.
        “Siamo grandi per pensare alla prossima partita. Dobbiamo
    ragionare gara per gara – afferma – e cercare di crescere e
    migliorare perché sono tante le situazioni in cui possiamo fare
    meglio. Stiamo passando anche un momento un po’ delicato tra
    infortuni e qualcuno che non c’è. Dobbiamo stringere i denti.
        Sapevamo che questa è una settimana molto importante con 2
    partite di campionato e l’ultima partita decisiva per entrare
    nei gironi Adesso dobbiamo recuperare energie e spero che
    infortunio di Rebic non sia di lungo tempo perché abbiamo
    qualche difficoltà”. Al riguardo le prime notizie sembrano
    incoraggianti. Per l’attaccante si parla di una lussazione al
    gomito sinistro. “La buona notizia – dice Pioli – è che sembra
    che non ci sia frattura quindi questo ridurrebbe i tempi di
    assenza, spero sia confermato”. In prospettiva futura, per il
    tecnico rossonero, i rivali in campionato “sono le squadre che
    ci sono state davanti la scorsa stagione. Noi dobbiamo fare il
    nostro percorso di crescita partita per partita. Poi è chiaro
    che siamo il Milan e vigliamo migliorare il cammino del
    campionato scorso”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte