SANTARCANGELO. La raccolta porta a porta si allarga al forese delle frazioni di San Bartolo, La Giola, Canonica, Montalbano e Ciola

 

Lunedì 27 giugno un incontro di presentazione alla cittadinanza

La raccolta porta a porta si allarga ulteriormente, raggiungendo la zona forese delle frazioni di San Bartolo, La Giola, Canonica, Montalbano e Ciola Corniale. Dopo le aree già raggiunte a San Vito, Sant’Ermete, San Martino dei Mulini e Stradone, dunque, il nuovo sistema di conferimento dei rifiuti si amplia a ulteriori aree del territorio comunale.

Le modalità della raccolta porta a porta saranno presentate ai residenti delle frazioni interessate in un incontro pubblico che si svolgerà lunedì 27 giugno alle ore 21 presso il centro civico di San Bartolo (via Marino Della Pasqua 45). Alla presenza della vice sindaca e assessora all’Ambiente, Pamela Fussi, i rappresentanti di Hera illustreranno le modalità di erogazione del servizio, i tempi di consegna dei kit per la raccolta porta a porta e le tempistiche per l’avvio effettivo.

Già a partire dal 28 giugno, infatti, Hera avvierà la distribuzione dell’informativa sulla programmazione della consegna del kit del porta a porta nelle cassette della posta dei residenti delle zone interessate, che non saranno le frazioni nella loro interezza bensì le aree situate al di fuori dei centri abitati.

Sarà previsto un primo passaggio per la consegna dei kit e in caso di assenza del destinatario Hera lascerà un avviso per un secondo passaggio successivo. Saranno inoltre individuate alcune date in cui i cittadini potranno ritirare il proprio kit in Comune, in caso di assenza da casa anche al momento del secondo passaggio di Hera, dopo di che il kit potrà essere ritirato presso la sede di Hera a Rimini.

I mesi di luglio e l’inizio di agosto saranno dedicati alla consegna dei kit, per poi procedere alla rimozione dei cassonetti stradali intorno alla metà di agosto, tempistica che potrebbe in ogni caso cambiare in base dall’esito dell’attività di consegna dei kit.

“L’ampliamento della raccolta porta a porta rappresenta un progresso significativo da due punti di vista” dichiara la vice sindaca Fussi. “Da un lato, infatti, si tratta di un investimento a beneficio dell’ambiente, che porterà un incremento della raccolta differenziata a livello comunale. Dall’altro, si fa fronte all’esigenza dei residenti, che dopo il passaggio al porta a porta da parte di alcuni Comuni confinanti non hanno più potuto usufruire dei cassonetti situati sulle vie di confine. Con queste due finalità abbiamo proseguito convintamente l’estensione al porta a porta nelle nuove frazioni – conclude la vice sindaca – stanziando 135mila euro nel bilancio 2022”.

Lascia un commento