SANTARCANGELO. L’appello della segretaria del Pd Paola Donini dopo la caduta del governo Draghi

 

La segretaria del Pd Santarcangelo Paola Donini: “Da quel che resta del Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia un attentato al futuro dei nostri figli per la loro irresponsabile campagna elettorale perenne. All’estero già lo scrivono, tutti al lavoro per batterli e non far passare il nostalgico ritorno al passato: lo dico da politica e da mamma che non ha messo al mondo figli per negargli il domani”

Il “folle” teatrino di mercoledì in Parlamento non è solo una delle pagine più vergognose della nostra storia democratica, ma un pericolosissimo attentato al futuro dei nostri figli: con una guerra in corso in Europa, una pandemia mondiale ancora da debellare e i fondi del Pnrr da tradurre in opere concrete e vitali, quel che resta del Movimento 5 Stelle, la Lega e Forza Italia hanno scelto di mettere in ginocchio un Paese a pochi mesi dalla scadenza naturale del mandato  per portare avanti la loro campagna elettorale perenne credendo sia il momento propizio per saltare in sella.

Non sarà così.

I cittadini devono avere chiaro in mente quello che è successo, sapere bene cosa sta accadendo e cosa soprattutto potrebbe succedere per la totale assenza di responsabilità politica del centro destra e di quel che rimane dei 5 Stelle: queste non saranno infatti elezioni come tutte le altre, saranno le Elezioni con la E maiuscola, non ci saranno in ballo solo cinque anni di governo, ma la democrazia, la libertà, i diritti, l’Europa, l’ambiente, la transizione ecologica. In sintesi, appunto, il futuro dei nostri figli. 

Dovremo quindi trasformarci in leonesse e leoni per difendere il loro domani e la loro esistenza da chi – è chiaro e dovrà esserlo per tutti – vuole fermare tutto e tornare indietro, cancellare la transizione ecologica e continuare con il petrolio, spazzare via i diritti civili, uscire dall’Europa, arrestare la ripartenza collettiva garantita dal Pnrr per meri interessi da bottega.

Basta guardare come il mondo commenta quanto accaduto a Roma per capirlo bene. Per il New York Times “il governo di unità nazionale del premier, che ha restituito influenza e credibilità» all’Italia, cade lasciando il Paese avviato verso una nuova stagione di caos politico in un momento critico in cui l’Ue cerca di mantenersi unita di fronte alla Russia e rilanciare la sua economia”. Per la testata, “l’uscita di Draghi sarebbe un «colpo pungente per l’Italia e l’Europa”. Il Pais è ancora più perentorio e apre così l’edizione online: “Il Parlamento italiano, un animale selvaggio e autodistruttivo, ha consumato mercoledì la sua ultima operazione letale e ha liquidato la legislatura obbligando il primo ministro, Mario Draghi, a dimettersi. Il violento evento ha molti genitori. Ma sono stati i partiti della destra, Forza Italia e la Lega, quelli che hanno inferto il colpo di grazia all’esecutivo di cui erano parte”.

Abbiamo dimostrato di saper lottare e vincere, ognuno di noi dovrà farlo ogni giorno e tutti insieme dovremo mettere insieme le migliori energie del Paese perché l’Italia continui a crescere e andare avanti e non salga su una nostalgica macchina del tempo che si rivelerebbe letale.

Lo dico da segretaria del Pd Santarcangelo, ma anche e soprattutto da mamma che non ha messo al mondo dei figli per veder loro negato il futuro.

Paola Donini

Lascia un commento