Test su soccorsi in mare, chiusa esercitazione Squalo 2022


(ANSA) – CAGLIARI, 13 OTT – Una ventina di mezzi di soccorso
tra elicotteri, aerei e unità navali sono stati impegnati
nell’esercitazione Squalo 2022 della Guardia Costiera simulando
lo svolgimento di quella che tecnicamente viene definita una “Mass Rescue Operation”, operazione di soccorso con grandi
numeri: un aereo di linea con 55 passeggeri a bordo, precipitato
in mare a causa di un problema tecnico nel Golfo di Cagliari.
    Nel ruolo di “Air Coordinator” un Ufficiale pilota di ATR 42
appartenente al 2/o Nucleo Aereo Guardia Costiera di Catania.
    Mentre al 13/o M.R.S.C. di Cagliari è spettato il coordinamento
generale di tutte le delicate fasi dell’esercitazione,
assegnando alle 10 unità navali e agli aeromobili schemi di
ricerca al fine di pattugliare nel più breve tempo possibile le
250 miglia quadrate di mare all’interno delle quali si presumeva
fosse precipitato l’aereo.
    Presente anche la nave della Guardia Costiera italiana “Diciotti”, che oltre a fungere da coordinatrice in area
operazioni delle Unità navali coinvolte, ha svolto il ruolo di
piattaforma logistica con Presidio Medico Avanzato per il triage
e il successivo trasferimento dei feriti al pronto soccorso.
    Per rendere ancora più realistico lo scenario, sono stati
coinvolti anche dei volontari appositamente “truccati”, che
hanno simulato i feriti recuperati sia dalle motovedette che
dagli elicotteri coinvolti nell’attività addestrativa complessa.
    Tra questi, velivoli e Unità navali della Guardia di Finanza,
della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare, dei
Carabinieri e della Polizia di Stato, oltre agli altri assetti
internazionali.
    La “Squalo 2022” ha rafforzato i rapporti di collaborazione tra
gli Enti nazionali e internazionali, che quotidianamente operano
in mare per incrementare la risposta in materia di salvaguardia
della vita umana. Coinvolti gli equipaggi e gli osservatori 20
diversi Paesi aderenti agli accordi Sarmedocc, Frontex, Themis
2022, Schengen e altri (Organizzazione Marittima Internazionale
IMO, Tactical Emergency Casualty Care TECC, Comitato
Internazionale Della Croce Rossa ICRC, Sarmed/OCC). (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte